Articoli

IDENTIKIT NCC (Noleggio Con Conducente)

Una breve guida informativa per identificare la figura professionale dell’autista NCC e del servizio che offre.

Cosa serve?
L’autista NCC deve essere in possesso di una patente speciale, KB oppure CQC, che serve a regolamentare il servizio di trasporto persone. Insieme alla patente è necessario richiedere alla regione l’abilitazione per operare sul territorio (si ottiene tramite esame scritto e orale).

Chi è?
L’autista NCC è una figura preposta al trasporto di persone (clienti), la figura garantisce piena professionalità e sicurezza. Il lavoro dell’autista NCC prevede l’interazione con clientela proveniente da tutto il mondo, l’autista è in possesso di molte competenze come la professionalità, conoscere diverse lingue, conoscenza del territorio.

Cosa fa?
L’autista NCC è la figura professionale che si occupa del trasporto clienti, come alternativa al trasporto taxi e mezzi pubblici. L’autista NCC mette a disposizione della clientela le sue caratteristiche professionali garantendo puntualità, comodità e pulizia del veicolo, conoscenza delle lingue, sicurezza del cliente.

In sintesi quello che abbiamo elencato è un semplice identikit della figura professionale di Autista NCC, suggeriamo di approfondire il tema e le varie sezione cercando nello specifico il tema trattato.

Correva l’anno 2018, nel mese di dicembre sotto il periodo natalizio, quando dopo una lunga battaglia del settore NCC fatta di proteste e manifestazioni pubbliche,, il settore subisce l’ennesima tortura.

Citando la classica contrapposizione cinematografica dove il bene si scontra con il male, possiamo creare un lieve parallelismo tra un imperatore galattico doppiogiochista che decide di punto in bianco di emanare un’ordine per sterminare tutti gli agenti delle forze del bene. Per fortuna non ci troviamo in una galassia lontana lontana e non viviamo sotto l’egemonia di un impero malvagio (viva la democrazia).

Cose prevede il famigerato testo emanato in quella notte buia e tempestosa del 29 dicembre 2018:

Il testo prevede che gli Ncc possano operare in ambito provinciale senza dover tornare sempre in rimessa, ma solo se nel “foglio di servizio??? sono già indicate “più prenotazioni oltre la prima”.

Il decreto inoltre contiene una deroga per 2 anni per chi abbia contratti con società di altri territori, stipulati fino a “15 giorni” prima dell’entrata in vigore.

Per le sanzioni si prevede invece una moratoria di 90 giorni, sempre dall’entrata in vigore del decreto. Previsto anche lo stop al rilascio di nuove autorizzazioni fino alla piena operatività di un nuovo “archivio informatico pubblico nazionale” che registrerà tutte le licenze anche dei taxi.

Insomma una sentenza poco confortante nei confronti di chi opera nel settore, che ha generato grosse difficoltà per le piccole realtà, impossibilità di operare nei termini prestabili con i precedenti partner e l’ennesima dimostrazione che la burocrazia è una buropazzia.

Passa più di un’anno, e un susseguirsi di eventi storici porta l’ex ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli (MS5) non far parte del nuovo toto dei ministri del governo Conte parte II e quindi sostituito.

Ciò che ne consegue sono polemiche e dibattiti in stile leoni da tastiera avvenuti su noti social network, dove in sintesi di rivendicava un ottimo operato fatto di decisioni metodiche e logicamente positive (“crediti Toni, crediti”).

Si apre uno spiraglio qualcuno dirà a questo punto. A questo punto della storia l’interesse rivolto al settore cala da parte delle alte cariche, non ci sono rivalutazioni del problema, tutto rimane statico e la lentezza dei processi politici ancora una volta si dimostra procrastinante.

Questo porta gli operatori del settore coinvolto a doversi arrangiare con quello che hanno e con le nuove metodologie introdotte che portano ad un netto calo dei servizi nel vettore NCC, difficoltà nella gestione, costretto sempre a compiere “a vuoto” un viaggio di ritorno alla rimessa, tagli sul personale, e nei casi peggiori piccole realtà totalmente stroncate.

Corte Costituzionale – Dentro la Sentenza 56-2020 che apre agli NCC

Oggi. Coronavirus che imperversa in tutto il globo, un virus che non fa distinzione alcuna, non gli interessa il colore della pelle, lo status sociale, l’inclinamento politico o sessuale delle persone, ricchi o poveri, belli o brutti, il virus cambierà radicalmente la nostra percezione della realtà, il modo in cui viviamo quotidianamente, scuoterà le coscienze e riformulerà completamente il nostro modo di vivere.

Il compito di risollevare la società che verrà spetta in primis ad ogni cittadino che è chiamato e coinvolto ad agire per il proprio bene personale e per la collettività. Altro ruolo importante spetta ai governi, che in questo momento sono in uno stato di prova in risposta sia per contrastare l’avanzare del virus che dare una risposta ai cittadini, affermando la loro presenza. Uniti si vince, divisi di cade.

Proprio in questo periodo di estrema crisi, si intravedono degli spiragli di luce per quello che sarà la nuova struttura, La corte costituzionale ha messo sotto la sua lente d’ingrandimento l’ultima legge in materia ncc e taxi emanata in quella notte buia e tempestosa del 29 dicembre 2018, e afferma quanto segue:

La Suprema Corte Costituzionale ha sancito che l’ultima legge emanata in materia di ncc e taxi è in parte incostituzionale e, dunque, illegittima e come tale immediatamente cancellata nelle parti cassate dall’ordinamento giuridico.

Inoltre, la Corte Costituzionale ha fornito importanti spunti per indirizzare l’interpretazione delle altre norme non annullate e rimaste vigenti nonché per guidare l’operato delle Pubbliche Autorità e della Magistratura nelle future attività di organizzazione del comparto e attuazione delle regole.

I termini che questa rivalutazione storica della legge vogliono portare alla luce, si possono sintetizzare semplicemente con quanto sempre affermato da più di un’anno di battaglie:

E’ incostituzionale l’obbligo del rientro a rimessa alla fine, e prima dell’inizio, di ogni servizio.

Che cosa ne consegue ci staremo chiedendo?

La Corte Costituzionale ha deciso che chi svolge il servizio NCC non può essere obbligato a rientrare in rimessa prima di cominciare ogni prestazione.

La decisione della Corte costituzionale, rimuovendo del tutto l’obbligo di rientro in rimessa risolve una delle questioni più preoccupanti aprendo nuovi spiragli per il settore.

Questo porterà ad una riapertura della concorrenza nel settore del trasporto locale, e si conferma il diritto degli Ncc a operare con un sistema di prenotazioni che non li costringa a rientrare verso la rimessa al termine di ogni corsa.

Rimaniamo in attesa di ulteriori dettagli e di una ripresa in forma pratica.

https://ramodissopo.org

http://concreteonlus.org

CORONAVIRUS, TRASPORTI E TURISMO TRAVOLTI

Le statistiche che ogni giorno emergono sono tragiche, le imprese del settore soffrono per questa situazione catastrofica.

Da quarant’anni il settore che si è sviluppato nel tempo ed ha sempre reso eccellenza sta vivendo oggi una situazione di crisi che non ha precedenti.

Crisi del settore, il trasporto pubblico e locale sta subendo la peggiore delle conseguenze dall’emergenza coronavirus???, notizie che grandi compagnie aeree hanno bloccato i voli che fanno scalo a Venezia, Bologna, Milano sino al 28 marzo. Taxi e ncc lavorano da giorni a basso regime, fermi ai posteggi in attesa di un servizio, ma nulla si muove.

Tutte queste conseguenze, come un domino hanno messo al tappeto settori estremamente connessi al traporto, il motore fondamentale del paese, il turismo. Stiamo parlando di turismo, motore fondamentale del paese e traino per quanto riguarda i trasporti.

L’effetto coronavirus sta creando una bolla di recessione in tutto il paese, è nostro dovere come operanti nel settore trasporto persone taxi, ncc, bus operator affermare che è uno dei settori più colpiti in questo momento, ma soprattutto colpiti nel breve termine dall’inizio di questa situazione.

Occorre in questi casi, preventivamente agire ed analizzare i casi di ogni settore lavorativo, dichiarare lo stato di crisi e valutare di sospendere alcuni versamenti tributari e di contributi diretti.

Il bollettino di guerra, perché così si può intendere ferma ogni cosa, ferma il servizio di noleggio con conducente e i taxi che lavorano in città come Milano abbattendo i flussi del 90%. Il trasporto per quanto essenziale si riduce per per la paura virale.

E’ un momento duro, l’Italia deve essere unita, riscoprire la sua unità e con forza e sacrificio ricominciare.

ramodissopo.org

concreteonlus.org

MOVE4YOU Servizio weekend

Vivi il tuo weekend in tutto relax.
Con la bella stagione hai deciso di approfittare del weekend per una gita fuori porta all’insegna del relax?
Noleggiami e rilassati, al resto ci penso io! MOVE4YOU!, servizio noleggio con conducente puntuale ed affidabile per ogni volta che avrai bisogno di spostarti in piena tranquillità e senza pensieri.

VENEZIA a partire da € 690 A/R*
CINQUE TERRE a partire da € 590 A/R*
COSTA AZZURRA a partire da € 690 A/R*
I LAGHI a partire da € 490 A/R*

*L’autista sarà sempre a tua disposizione per spostamenti in loco. visualizza il nostro parco auto

Altra meta? Contattaci per un preventivo!

INFO E PRENOTAZIONI:
Per prenotare MOVE4YOU! contatta il nostro centralino via email o telefono: 3245891450
Info@ramodissopo.org

concreteonlus.org

ramodissopo.org

MOVE4YOU Servizio per matrimoni

Per un giorno indimenticabile… un’auto indimenticabile.

Sposarsi in tutto relax con i massimi comfort, senza lasciare nulla al caso. Berlina e autista privato ti accompagneranno in tutti gli attimi indimenticabili di questo giorno speciale.

Mezza giornata € 225, iva inclusa
Intera giornata € 500, iva inclusa

Visualizza il nostro parco auto

INFO E PRENOTAZIONI
Per prenotare il servizio MOVE4YOU! contatta il nostro centralino via email o telefono: 3245891450
info@ramodissopo.org

concreteonlus.org

ramodissopo.org